• WEY DOLCE LOMBARDIA: PARTECIPA ANCHE TU!

    Dopo il successo riscosso in Emilia Romagna, Società Dolce e InfinityHub replicano con WEY Dolce Lombardia. La startup innovativa partecipata intende riqualificare energeticamente cinque strutture sanitarie della cooperativa, per assicurare un elevato confort agli utenti e ai lavoratori.
    Gli edifici legati al welfare avranno un ruolo sempre più strategico nell’era post Covid-19, ma sono tra i più inquinanti ed energivori, dovendo garantire alti livelli di benessere ambientale.
    Climatizzazione invernale ed estiva, percorsi d’illuminazione facilitanti l’orientamento e lo spostamento di persone anziane o disabili, trasporto da e per visite e attività, l’elevato consumo d’acqua per comunità lasceranno il posto a sistemi illuminanti con lampade a LED, impianti fotovoltaici per l’autoproduzione di energia da FER, sistemi di trattamento aria con recupero di calore, pompe di calore elettriche, colonnine per le auto elettriche e innovativi processi terapeutici. Dove possibile, saranno sostituiti gli infissi e realizzati i cappotti, per contenere le dispersioni termiche.

    Il progetto è finanziato per l’80% dal sistema bancario e per il restante 20% dall’equity crowdfunding, sulla piattaforma CrowdFundMe.

    Dal 30 Dicembre 2021 il capitale sociale della startup ha aperto a cittadini, investitori, piccoli risparmiatori, artigiani, banche, fondi e pubbliche amministrazioni, potenziali fornitori, che possono diventare parte attiva degli interventi da realizzare e godere dei benefici economici. È infatti prevista una detrazione fiscale del 30% per i soggetti che investono nel capitale sociale di startup innovative.

    Tutte le informazioni al link   https://www.crowdfundme.it/projects/wey-lombardia/

    Guarda il video

  • Nuovo progetto per InfinityHub e Società Dolce: nasce WEY Lombardia

    Al quarto posto della recente classifica nazionale del Sole 24 Ore, dedicato alle aziende “Leader della Crescita 2022”, con un tasso di crescita al 15%, si è posizionata Infinit(y)hub s.p.a.
    La società benefit che opera nel settore del fintech green, finanziando e coordinando interventi di efficienza energetica e di produzione di energie rinnovabili, ha conquistato un risultato eccellente, sulle 450 presenti in lista, grazie a un balzo in avanti del 209,60%. Azienda piccola, ha puntato sull’inventiva e l’entusiasmo del proprio organico formato da giovani competenti, oltre 12 neo laureati in diverse discipline, sensibili all’ambiente e soprattutto abili coi social.
    È nata così l’idea di campagne di crowdfunding “green”, spesso overfunding, sui principali portali nazionali di crowdfunding controllati dalla Consob: queste campagne hanno raccolto già 4,2 milioni di euro per la realizzazione di progetti amici dell’ambiente.

    Tra essi, anche quelli in partnership con la cooperativa sociale Società Dolce, che con Infinity Hub ha costituito Wey Dolce Emilia Romagna srl e Wey Dolce Lombardia srl, per la riqualificazione di strutture che ospitano persone fragili, finalizzate al miglioramento della qualità del servizio offerto.
    In Emilia Romagna, sono stati raccolti 665.000 euro destinati all’efficientamento energetico di sei immobili sanitari, con l’obbiettivo di garantire un importante risparmio economico e ambientale, benessere e confort a operatori e pazienti e creare numerosi nuovi posti di lavoro per l’economia locale. Una campagna che ha raccolto più di 6 volte l’ammontare richiesto (+665%), divenendo la più importante campagna di equity crowdfunding in ambito socio sanitario in Italia.
    Grazie all’innovativo strumento dell’equity crowdfunding, che apre le porte del capitale sociale a chi sia interessato e voglia condividere i benefici di un particolare progetto, la campagna ha portato in società 104 nuovi soci e redistribuito il 40,13% del capitale sociale.

    Ora si replica con Wey Dolce Lombardia srl, nelle provincie di Bergamo, Brescia, Mantova, e Pavia, aree tra le più colpite dalla pandemia, su 5 edifici, per oltre 4 milioni di euro. Proprio oggi, infatti, è stato pubblicato il “coming soon” della campagna di EquityCrowdFunding di Wey Dolce Lombardia, sul portale Crowdfundme   https://www.crowdfundme.it/projects/, che sarà lanciata nei prossimi giorni.

  • Presentazione del libro “Peperoni alla piastra” di Mario Filocca

    L’autore Mario Filocca, architetto di fama che ha lavorato anche con Renzo Piano, illustrerà il romanzo autobiografico che racconta la malattia che ha colpito la moglie. Il libro “Peperoni alla piastra” non è solamente un romanzo sul tema della malattia, ma anche una splendida storia d’amore.

    Venerdì 18 ottobre 2019 – ore 18:00
    Teatro Monteverdi,Via Dante 149 – Cremona
    Ingresso libero

  • Presentazione BILANCIO SOCIALE della Congrega della Carità Apostolica

    La presentazione del decimo Bilancio sociale della Congrega e delle Fondazioni amministrate si terrà

    mercoledì 19 giugno 2019 dalle ore 17 presso la sede dell’Istituto Vittoria Razzetti Onlus in via Milano 30

    Con l’occasione della ricorrenza del centenario della nascita dell’Istituto a favore dell’infanzia abbandonata, si terrà anche l’inaugurazione delle opere realizzate nell’ambito del progetto Oltre la Strada alla presenza del Sindaco di Brescia.
    ore 17.00 

    intervengono:

    Marcellino Valerio, Presidente Istituto Vittoria Razzetti Onlus
    Emilio Del Bono, Sindaco di Brescia
    Alberto Broli, Presidente della Congrega della Carità Apostolica
    ore 17,30

    illustrazione dialogata del Bilancio Sociale della Congrega della Carità Apostolica

    a cura dei Vice Presidenti Pietro Ghetti e Antonio Porteri

    Il volume del Bilancio sociale della Congrega e delle Fondazioni amministrate è stato realizzato grazie a:

    UBI Ban 4C hi DOLCE ITAS PHOENIX
  • AL RISTORANTE PER PARLARE DI ALZHEIMER

    Secondo gli ultimi dati del Rapporto mondiale Alzheimer, ogni anno nel mondo si registrano quasi 10 milioni di nuovi casi di demenza, circa uno ogni tre secondi. L’Italia, con una stima di 1,4 milioni di malati, di cui circa la metà affetti da Alzheimer, è all’ottavo posto per il numero di persone colpite. A causa dell’invecchiamento della popolazione, si prevede che nel corso dei prossimi 30 anni i casi triplicheranno.
    La Rete Città Amica della Demenza, composta dal Comune di Cremona, Cremona Solidale, cooperativa sociale Società Dolce, Aima Alzheimer Cafè, Fondazione La Pace, Fondazione Busi, Auser, consorzio Sol.Co e Cremona Welfare, ha organizzato un’originalissima iniziativa, una cena al ristorante “La Bersagliera”, per imparare a mangiare bene e prevenire la demenza di Alzheimer.
    Paolo Vaccaro, responsabile area Nord Ovest di Società Dolce ha aperto la serata, sottolineando l’importanza della rete tra soggetti pubblici e privati, nella lotta alla malattia e nel sensibilizzare i cittadini sui corretti stili di vita per prevenire le demenze, dove l’alimentazione è al primo posto.
    “Oggi mangiamo troppo e male, occorre più consapevolezza e attenzione ai cibi e alle sostanze che ingeriamo, perché una buona nutrizione aiuta a conservare le capacità mentali, anche con l’avanzare dell’età. Il legame dieta e demenza è scientificamente provato e va considerato, perché mangiar sano e con gusto non è difficile”, ha detto Vaccaro.
    La partecipata cena lo ha ben dimostrato: la prevenzione si può fare anche con una buona pizza a lievitazione naturale, condita con prodotti freschi, dalle verdure grigliate, ai funghi, alla mozzarella di qualità. Si può avere cura di sé, senza fatica.
    Cremona è stata una delle prime città italiane ad aderire al progetto internazionale Dementia Friendly Community, che vuole creare comunità solidali con le persone affette da demenza. Ed è una città con una storia speciale sul tema: è nata infatti a Cremona circa trent’anni fa, la prima organizzazione a favore delle persone colpite da demenza e dei loro familiari e, nel 2006, il primo Cafè Alzheimer, per una convivialità di supporto e condivisione dei problemi e delle fatiche assistenziali di chi vive accanto a un malato con disturbi della memoria.

  • A Cremona la rassegna “Tra Palco e Città”

    Al via, giovedì 2 maggio, al Teatro Monteverdi (via Dante, 149), Tra Palco e Città, rassegna teatrale inclusiva dei servizi per la disabilità, giunta alla sua quinta edizione. L’iniziativa è organizzata dall’Ufficio Piano Locale Giovani del Settore Politiche Educative del Comune di Cremona e il Teatro Monteverdi in collaborazione con Agropolis Cooperativa Sociale Onlus, ANFFAS Cremona Onlus, LAE Società Cooperativa Sociale Onlus, Cooperativa Sociale Società Dolce, Associazione Giorgia, Ventaglio Blu Società Cooperativa Sociale, Altana Società Cooperativa Sociale Onlus e Ticonzero – Arte Teatro Formazione Educative.

    Tale rassegna costituisce un importante strumento di valorizzazione e consolidamento della rete di collaborazioni, già esistenti, tra scuole secondarie di secondo grado ed associazionismo, con particolare attenzione all’integrazione e alla realizzazione personale e sociale delle persone con disabilità.
    Tutte le realtà cittadine che operano in ambito di integrazione sociale svolgono attività laboratoriali, formative e performative al Teatro Monteverdi, confermando l’accessibilità della sala di via Dante 149 quale luogo centrale per attività che hanno finalità sociale, espressiva ed educativa del territorio.

    L’incontro tra il mondo scolastico e quello associativo favorisce lo scambio e la visibilità dei percorsi realizzati contribuendo in modo creativo alla realizzazione e alla contaminazione di linguaggi artistici capaci di coinvolgere attori e spettatori. Parte della rassegna è infatti realizzata in collaborazione con alcuni istituti scolastici di Cremona in modo da offrire opportunità e percorsi formativi a studenti delle scuole scuole secondarie di secondo grado. 
 In particolare, i momenti performativi gestiti da Agropolis Cooperativa Sociale Onlus vedono coinvolti l’Istituto di Istruzione Superiore “L. Einaudi” ed il Liceo Scienze Umane Economico Sociale “S. Anguissola” di Cremona.

    Sono previsti spettacoli sia nella fascia oraria diurna per le scuole, che in quella serale o tardo pomeridiana per i cittadini e i familiari. Il doppio turno delle rappresentazioni mattutine permette infatti agli studenti di assistere a spettacoli realizzati da ragazzi disabili e, viceversa, a questi di partecipare ai momenti performativi realizzati in ambito scolastico. Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero.

    Per maggiori informazioni: 
Teatro Monteverdi
    via Dante, 149 – Cremona
    tel. 0372 407789 – 0372 407753
    teatromonteverdi@comune.cremona.it

  • Mangiar sano previene la demenza di Alzheimer

    Dementia Friendly Community – Mangiar sano previene la demenza di Alzheimer: ceniamo insieme per scoprire come
    E’ possibile adottare una sana alimentazione per prevenire l’Alzheimer. Vieni a sperimentarla: prenota la tua cena.

    Contributo per la cena: 20 Euro
    Scopri il programma

    Gli eventi sono organizzati nell’ambito delle attività della Rete Città Amica della Demenza – Dementia Friendly Community in collaborazione con Comune di Cremona, Cremona Solidale, AIMA Cremona Alzheimer Café, Fondazione La Pace, Fondazione C. Busi, AUSER Comprensoriale di Cremona, Consorzio Sol.Co., Cooperativa Sociale Società Dolce, Cremona Welfare Srl.

  • Inaugurazione nido d’infanzia Gli Elfi

    Sabato 2 febbraio 2019 alle ore 11, si terrà l’inaugurazione de “Gli Elfi” , il nuovo nido d’infanzia del Comune di Roverbella (MN), realizzato e gestito da Società Dolce. Il nido, adiacente alla scuola dell’infanzia, accoglierà 30 bambini da 6 a 36 mesi in ambienti moderni e confortevoli, specificatamente realizzati a misura di bambino.

    PROGRAMMA

    SALUTI E TAGLIO DEL NASTRO
    Antonella Annibaletti – Sindaco
    Veronica Vicentini – Vice Sindaco e Assessore ai Servizi alla Persona
    Dario Vincenzi- Assessore al Territorio
    Paolo Lucchini – Assessore al Bilancio
    Pietro Segata – Presidente Cooperativa Sociale Società Dolce

    BENEDIZIONE
    Don Giovanni Volta – Parroco di Roverbella

    VISITA DELLA STRUTTURA 

    BUFFET

    LABORATORIO CREATIVO ESPRESSIVO
    a cura di Società Dolce

    Scopri la locandina

    Per informazioni:
    Nido d’infanzia Gli Elfi
    Via Don Paolo Bazzotti n. 4-6
    Tel. 331 4441624
    mail: nido.glielfi@societadolce.it

  • Bollate: a Società Dolce, il reparto ospedaliero per subacuti

    È stato inaugurato il mese scorso, a Bollate (Rho), il reparto con 24 posti letto per subacuti, voluto per rispondere alla cronicità e affidato in gestione a Società Dolce per i prossimi sette anni.

    L’occasione, all’interno della terza edizione del Festival della salute dell’ASST Rhodense, ha visto presenti Paolo Vaccaro, responsabile area Nord Ovest della cooperativa, l’assessore regionale al Welfare, Giulio Galliera, il direttore generale dell’ASST, Ida Ramponi, il sindaco di Bollate, Francesco Vassallo e altri rappresentanti delle istituzioni e della società civile.

    “Vi accederanno pazienti dimessi da altri reparti, ma che necessitano di prolungare la permanenza in ospedale – spiega Vaccaro – e li accoglieremo in un polo per la cronicità, ossia una struttura rivolta perlopiù a persone anziane, ma dai contenuti sanitari. Una risposta della regione, per una popolazione che invecchia.”

    Oltre al reparto, presto il presidio ospiterà anche un centro diurno integrato, grazie ad uno stanziamento di 800mila euro dai fondi regionali.

    Ad accompagnare il taglio del nastro, non solo festa e intrattenimento, ma anche formazione, informazione e prevenzione con screening gratuiti per la popolazione.

    Per Società Dolce, è un nuovo tassello che si aggiunge ai servizi avviati negli ultimi anni in ambito sanitario. In Emilia Romagna, con l’Hospice “Villa Adalgisa” di Ravenna, il reparto di lungodegenza presso la RSA “Vici Giovannini” di Cattolica, i CAR “Spazio Salute” e ”Casalino” di Bologna, la residenza riabilitativa “CRC Casalino”, l’assistenza domiciliare integrata in Lombardia, il servizio domiciliare privato  “Assistiamo”, cui si aggiungono le attività sanitarie ordinarie nelle RSA.